Da qualche giorno Eolo, uno dei partner fondatori del nostro ITS INCOM, ha dato il via ad un nuovo progetto benefico che punta a favorire la digitalizzazione dei piccoli comuni italiani.

Un’iniziativa che ha il pieno sostegno di Luca Spada, presidente e fondatore di Eolo, dal momento che proprio lui, originario di un piccolo comune del varesotto, sa bene cosa significa digital divide.
Appena arrivato a Morosolo, piccolo comune che dista solo 3 chilometri da Varese, l’adsl e la connessione a internet non erano ancora disponibili, e questo significava per lui, e per tutti gli abitanti del paese, vedersi quotidianamente esclusi dai benefici che innovazione e progresso tecnologico stavano iniziando a generare in ogni angolo del mondo.

Lo spopolamento dei piccoli comuni a causa della mancanza di servizi è un’emergenza nazionale silenziosa, che crea gravi danni di opportunità: sociali, economiche e culturali.
Secondo una ricerca che Eolo ha commissionato all’Università di Padova, il 42,3% degli italiani sarebbe disposto a lasciare il proprio paese per cercare nuove opportunità lavorative, per avere servizi per il tempo libero e i consumi allineati con il livello europeo e per disporre di una migliore connettività e accessibilità a internet.

Da qui nasce l’idea: un progetto volto a destinare un milione di euro l’anno, per i prossimi 3 anni, per digitalizzare 300 comuni con meno di 5.000 abitanti in Italia.

Come funziona? Niente di più semplice!

Basta andare sulla piattaforma missionecomune.eolo.it e votare un comune per farlo salire in classifica. Ogni mese i primi 10 comuni verranno premiati con dispositivi tecnologici di ultima generazione e fornitura di servizi di connettività, cosicché anche le realtà più piccole potranno innovarsi e a trasformarsi in “Smart City”, salvaguardando il territorio.