Termini come “Data Analyst”, “Manipulation e Business Intelligence” si stanno facendo velocemente spazio nella terminologia specifica degli studi dei commercialisti e di coloro che si occupano di contabilità e amministrazione.

Saper interpretare e trasformare i dati, usando strumenti informatici innovativi, permette un’evoluzione delle competenze in termini di risultati, qualità del servizio offerto e di tempo. L’attuale crisi pandemica sta dimostrando il ruolo sempre più crescente che l’interpretazione dei dati ha per le aziende e per gli studi professionali.

Questo il principio ispiratore che la Fondazione ha seguito per la realizzazione del corso “Analisi dei dati e Artificial Intelligence” che proprio sulla manipolazione e interpretazione del dato costruisce il suo focus. Un’iniziativa resa possibile grazie alla preziosa collaborazione di Fausto Turco, CEO di Si-net srl e Presidente dell’Accademia dei Commercialisti, sin da principio coinvolto nella progettazione dell’intero percorso formativo.

E’ lo stesso Dott. Turco a chiarire le ragioni che rendono questo percorso didattico fondamentale per individuare nuove opportunità di crescita e sviluppo.

«[…]Gli studi professionali “sono seduti” su una quantità enorme di dati, che devono essere trattati in maniera diversa da come si è fatto finora. Le imprese devono muoversi in anticipo per essere competitive perché non basta un bilancio per fare strategie e investimenti. La “Business Intelligence” è un futuro ormai alle porte: l’analisi dei datI deve entrare negli Studi Professionali che guidano una filiera di circa 4.000.000 di Partite IVA e PMI, il tessuto fondamentale del nostro PIL».

La prima edizione del corso partirà domani, 27 aprile e sarà realizzata in 10 incontri bimestrali online nel corso dei quali verranno spiegate regole e potenzialità degli strumenti informatici che permettono la raccolta, il processing e l’interpretazione dei dati applicabili alla professione nei diversi contesti.

Il percorso formativo è totalmente finanziato da Regione Lombardia e si rivolge agli studi commercialisti, contabili e amministrativi, “accompagnando” gli iscritti all’approfondimento delle principali tecniche di analisi dei dati. 

«Il corso avviato con la collaborazione dell’Accademia dei Commercialisti – spiega la direttrice della Fondazione Rosaria Ramponi – si inserisce nella mission di ITS InCom che propone percorsi di aggiornamento e riqualificazione aperti a diversi settori produttivi, mettendo in rete i suoi docenti e i professionisti. Dopo la prima edizione, abbiamo già in programma il secondo corso “Analisi dei dati e Artificial Intelligence” che si svolgerà a settembre».

Ai 19 iscritti di questa prima edizione, suddivisi in lavoratori autonomi con partita IVA, titolari e soci lavoratori di attività e dipendenti di aziende con sedi in Regione Lombardia, verrà data la possibilità di ricevere una formazione altamente qualificata grazie al coinvolgimento di una squadra di formatori che vanta oltre 20 anni di esperienza al servizio degli Studi Professionali e che da oltre 5 anni lavorano trasformando i dati in informazioni utili alle decisioni strategiche delle aziende.